Announcing: BahaiPrayers.net


More Books by Documenti

Al di là delle riforme legali
Alla ricerca di valori in un’età di transizione
Chi scrive il futuro
Dichiarazione Bahá’í sulla Natura
Il secolo di luce
Istituti di formazione
La libertà di credere
La prosperità del genere umano
Le epoche dell'età formativa
Manuale per le Assemblee
Monografia su Bahá'u'lláh
SED BWC a una ASL su sviluppo socio-economico
Una fede comune
una grande svolta
Una svolta per tutte le nazioni
Free Interfaith Software

Web - Windows - iPhone








Documenti : Le epoche dell'età formativa
Le epoche dell'età formativa
Dipartimento delle Ricerche
della Casa Universale di Giustizia
Introduzione

Nel suo panorama illustrativo dello sviluppo della Dispensazione di Bahá'u'lláh, Shoghi Effendi menziona tre grandi stadi evolutivi che la Fede deve attraversare - l'Età Apostolica o Eroica (1844-1921) associata alle Figure Centrali della Fede (l); l'Età Formativa o di Transizione (1921- ) (2), il cui “marchio di purezza” (3) è il sorgere e l'affermarsi dell'Ordine Amministrativo, basato sull'esecuzione delle clausole dei Testamento di 'Abdu'l-Bahá (4); e l'Età Aurea che rappresenterà la ,consumazione di questa gloriosa Dispensazione, (5). Un attento esame dei dettagli della storia bahá'í rivela che le varie Età sono formate da una serie di periodi - parti inseparabili di un insieme organico (6).

Riferendosi all'Età Eroica della nostra Fede, il Custode, in una lettera dei 5 giugno 1947 ai Bahá'í americani, specificò che questa Età si può dividere in tre epoche e ne descrisse i caratteri peculiari:

« ... l'Età Apostolica ed Eroica della nostra Fede, si svolse in tre distinte epoche, di nove, trentuno e ventinove anni, associate rispettivamente alla Dispensazione Bábí e ai ministeri di Bahá'u'lláh e di 'Abdu'l-Bahá».

Questa Età Primitiva dell'Era Bahá'í, insuperata per fecondità spirituale dagli altri periodi associati alla missione dei Fondatore delle precedenti Dispensazioni, fu impregnata dall'inizio alla fine dalle energie creative generate grazie all'avvento di due Manifestazioni indipendenti e all'instaurazione di un Patto inedito negli annali spirituali dell'umanità» (7). L'Età Formativa nella quale noi oggi viviamo e serviamo ' ebbe inizio con il trapasso di 'Abdu'l-Bahá (9). La sua grande direttiva è la formazione, lo sviluppo e il consolidamento delle istituzioni locali, nazionali e internazionali della Fede (10). Dall'enumerazione delle imprese associate all'Età Formativa si comprende chiaramente che il loro completamente richiederà che la comunità bahá'í funzioni a livelli di maturità sempre più alti.

«in questa Età Formativa della Fede - durante l'epoca presente e quelle successive - si concluderà l'ultimo stadio, lo stadio coronante, dell'erezione della struttura dell'Ordine Amministrativo della Fede di Bahá'u'lláh - l'elezione della Casa Universale di Giustizia -, sarà codificato il Kitáb-i-Aqdas, Libro Madre della Sua Rivelazione, e promulgate le sue leggi, sarà instaurata la Pace Minore, conseguita l'unità del genere umano e raggiunta la sua maturità, sarà completato il Piano concepito da 'Abdu'I-Bahá, ottenuta l'emancipazione della Fede dai ceppi dell'ortodossia religiosa e universalmente riconosciuto il suo stato di religione indipendente,...» (11).

Le epoche dell'Età Formativa sono stadi progressivi nell'evoluzione del organismo della comunità bahá'í e indicano la maturazione delle sue istituzioni, per cui la Fede assume la capacità di operare a nuovi livelli e di dare inizio a nuove funzioni. La collocazione nel tempo di ciascuna epoca è indicata dal Capo della Fede e, data la natura organica dello sviluppo evolutivo, la transizione da un'epoca all'altra può anche non essere brusca, ma richiedere un certo periodo di tempo. E così accaduto, per esempio, all'inizio dell'Età Formativa, e alla fine della sua prima epoca. In quanto alla prima, il trapasso di 'Abdu'l-Bahá è l'evento di transizione più spesso identificato con la fine dell'Età Eroica e l'inizio dell'Età Formativa (12). Ma il Custode afferma anche che l'Età Apostolica della Fede si concluse «in modo più particolare col trapasso dell'amatissima e illustre Sua sorella, la Foglia Più Eccelsa, l'ultima superstite di un'èra eroica e gloriosa» (13). In quanto alla fine della prima epoca dell'Età Formativa, Shoghi Effendi l'ha collocata fra il 1944 (14) e il 1946 (15).

Prima di descrivere le singole epoche dell'Età Formativa, è importante commentare l'uso del termine “epoca” negli scritti del Custode. In una lettera del 18 gennaio 1953 scritta a suo nome a un'Assemblea Spirituale Nazionale, si spiega che il termine si riferisce tanto agli stadi dell'Età Formativa della Fede, quanto alle fasi dello sviluppo del Piano Divino di 'Abdu'l-Bahá (16). Attualmente ci troviamo nella quarta epoca dell'Età Formativa (17) e nella seconda epoca del Piano Divino di 'Abdu'l-Bahá (18). (La prima epoca del Piano Divino incominciò nel 1937 con l'inizio del Primo Piano Settennale della comunità bahá'í nordamericana e si concluse con il vittorioso completamento della Crociata Decennale nel 1963 (19). La seconda epoca del Piano Divino di 'Abdu'l-Bahá incominciò nel 1964 con l'inaugurazione dei Piano Novennale della Casa Universale di Giustizia).

Il principale tema che questa dichiarazione intende trattare sono le epoche dell'Età Formativa della Dispensazione di Bahá'u'lláh.

La prima epoca dell'Età Formativa: 1921-1944-46

La prima epoca di questa Età vide la “nascita e i primi stadi dell'erezione della struttura dell'Ordine Amministrativo della Fede” (20). Essa fu caratterizzata da un particolare impegno nella formazione di istituzioni locali e nazionali nei cinque continenti: (21) ebbe così inizio la costruzione del meccanismo necessario per future sistematiche attività d'insegnamento. Questa epoca fu inoltre caratterizzata dal varo, grazie all'incoraggiamento del Custode, del Primo Piano Settennale (1937-1944) da parte della comunità bahá'í americana. Questo Piano, che trasse ispirazione dalle Tavole del Piano Divino, fu la prima campagna sistematica per l'insegnamento realizzata dalla comunità bahá'í e inaugurò lo stadio iniziale dell'esecuzione del Piano Divino di 'Abdu'l-Bahá nell'Emisfero Occidentale (22).

La seconda epoca dell'Età Formativa: 1946-1963

Questa epoca ampliò gli sviluppi della prima epoca promuovendo la «consumazione di un Ordine Amministrativo laboriosamente costruito» (23), e vide la formulazione di una serie di piani per l'insegnamento designati a promuovere lo sviluppo della Fede al di là dei confini dell'Emisfero Occidentale e del continente europeo (24). Questa epoca fu contraddistinta, in primo luogo, dal simultaneo e spesso spontaneo svolgimento di piani nazionali bahá'í in Oriente e in Occidente (25). Per esempio, in una lettera scritta in occasione del Naw-Ruz 105 E.B., ai Bahá'í in Oriente, l'amato Custode elencò i piani specifici intrapresi dalle Assemblee Spirituali Nazionali di Stati Uniti, Inghilterra, India, Persia, Australia e Nuova Zelanda, e Iraq e indicò che questa azione concertata segnava la transizione nella seconda epoca dell'Età Formativa (26). Il consolidamento interno e l'esperienza amministrativa conseguiti dalle Assemblee Nazionali furono utilizzati e mobilitati dal Custode con il varo della Crociata Mondiale Decennale (27) - una crociata che comportò lo svolgimento simultaneo di dodici piani nazionali. I piani derivarono il loro orientamento dal Piano Divino di 'Abdu'l-Bahá e le mete furono assegnate da Shoghi Effendi nel Centro Mondiale della Fede (28). Una seconda caratteristica di questa epoca fu la “nascita” (29) e “l'incessante consolidamento” (30) del Centro Mondiale della Fede.

La seconda epoca dette perciò chiara dimostrazione dell'ulteriore maturazione delle istituzioni dell'Ordine Amministrativo. Essa vide la nomina delle Mani della Causa (31), l'introduzione dei Consigli Ausiliari (32) e la formazione del Concilio Internazionale Bahá'í (33). L'evento culminante di quest'epoca fu l'elezione della Casa Universale di Giustizia nel 1963. Essa mostrò inoltre un più efficiente e coordinato uso del meccanismo amministrativo per il perseguimento delle mete della prima crociata spirituale globale e vide emergere con spicco sempre maggiore il Centro Mondiale della Fede.

La terza epoca dell'Età Formativa: 1963-1986.

Rivolgendosi all'Assemblea Spirituale Nazionale Britannica nel 1951, il Custode previde “imprese mondiali che la Casa Universale di Giustizia era predestinata a compiere in future epoche di quella stessa Età (Formativa) (34). Nell'annunziare il Piano Novennale, «la seconda di quelle imprese mondiali destinate a portare nel volgere del tempo la Parola di Dio a ogni anima» (35), la Casa Universale di Giustizia dette avvio al processo predetto dal Custode e proclamò l'inizio della terza epoca dell'Età Formativa, un'epoca che chiamava i Bahá'í a un livello ancor più maturo di funzionamento amministrativo, adeguato all'atteso vasto incremento delle dimensioni e della varietà della comunità, al suo emergere quale modello per l'umanità e all'ampliamento dell'influenza della Fede in tutto il mondo. In una lettera dell'ottobre 1963 la Casa di Giustizia affermò:

«Amati amici, la Causa di Dio, custodita e alimentata sin dal principio dai Messaggeri di Dio, dal Centro del Suo Patto e dal Suo Segno sulla terra, entra oggi in una nuova epoca, la terza dell'Età Formativa. Le sue dimensioni dovranno ora crescere rapidamente, la sua coesione spirituale e le sue capacità esecutive aumentare, le sue istituzioni svilupparsi, e la sua influenza raggiungere tutti gli strati della società. Noi, suoi membri, dobbiamo - con il costante studio della Parola vivificatrice e col devoto servizio - approfondire la nostra comprensione spirituale e mostrare al mondo uno stile di vita maturo, responsabile, fondamentalmente tranquillo e felice, lontanissimo dalle passioni, dai pregiudizi e dai turbamenti dell'odierna società» (36).

Il periodo della terza epoca ha compreso tre piani mondiali, che hanno coinvolto tutte le Assemblee Spirituali Nazionali, sotto la direzione della Casa Universale di Giustizia, cioè, il Piano Novennale (1964-1973), il Piano Quinquennale (1974-1979) e il Piano Settennale (1979-1986).

Questa terza epoca ha visto la Fede emergere dall'oscurità e incominciare attività destinate a promuovere lo sviluppo sociale ed economico di alcune comunità (38). È stata formata l'istituzione dei Consessi Continentali dei Consiglieri (39) e con essi il Centro Internazionale per l'Insegnamento (40). Sono stati introdotti anche gli assistenti dei Consigli Ausiliari (41). Nel Centro Mondiale della Fede, la storica costruzione e occupazione della Sede della Casa Universale di Giustizia è stato un evento coronante (42).

La quarta epoca dell'Età Formativa: 1986-

In una lettera del 2 gennaio 1986 scritta dalla Casa Universale di Giustizia ai Bahá'í del mondo, la Suprema Istituzione annunziò l'inizio della quarta epoca dell'Età Formativa. Essa illustrò gli importanti sviluppi che si erano verificati nella «crescita organica della Causa di Dio» (43) nel corso della terza epoca appena conclusa, affermando che la comunità bahá'í era pronta a incominciare ad occuparsi degli obiettivi del nuovo Piano di Sei Anni il cui inizio era previsto per il 21 aprile 1986 e tracciava le mete e le caratteristiche generali di questo nuovo Piano. Mentre finora i piani nazionali erano per lo più giunti dal Centro Mondiale, in questa nuova epoca le mete specifiche delle varie comunità nazionali saranno formulati, all'interno dello schema degli obiettivi complessivi del Piano, per mezzo di consultazioni fra le rispettive Assemblee Spirituali Nazionali e i Consessi Continentali dei Consiglieri. Così afferma la Casa Universale di Giustizia:

«Questo nuovo processo... segna l'inizio di un nuovo stadio nello sviluppo dell'Ordine Amministrativo. Il nostro amato Custode ha previsto il succedersi di diverse epoche nel corso dell'Età Formativa della Fede; non esitiamo a riconoscere che questo nuovo sviluppo nella maturazione delle istituzioni bahá'í segna l'inizio della quarta epoca di questa Era» (44).

Future epoche.

I compiti che restano da svolgere durante l'Età Formativa sono molti e stimolanti. Si possono prevedere altre epoche, che segneranno stadi importanti nell'evoluzione dell'Ordine Amministrativo e culmineranno nell'Età Aurea della Fede (45). Anche l'Età Aurea comporterà “epoche successive” (46) che alla fine si concluderanno con l'instaurazione della Più Grande Pace, la Confederazione Mondiale Bahá'í e la «nascita e fioritura di una civiltà mondiale» (47).

Citazioni

(1) Citadel of Faith (Wilmette: Bahá'í Publishing Trust, 1980), pp. 4-5. 5 giugno 1947, ai Bahá'í americani.

(2) L'Ordine Mondiale di Bahá'u'lláh (Roma: Casa Editrice Bahá'í, 1982), p. 98, 8 febbraio 1934.

(3) L'Ordine Mondiale di Bahá'u'lláh, p. 157. 8 febbraio 1934.

(4) Citadel of Faith, p. 5. 5 giugno 1947, ai Bahá'í americani.

(5) L'Ordine Mondiale di Bahá'ul1áh, p. 156. 8 febbraio 1934.

(6) Dio passa nel mondo (Roma, 1968), p. xx.

(7) Citadel of Faith, pp. 4-5. 5 giugno 1947, ai Bahá'í americani.

(8) L'Ordine Mondiale di Bahá'u’lláh, p. 102. 8 febbraio 1934.

(9) Dio passa nel mondo, p: xix.
(10) Dio passa nel mondo, p. 334.

(11) Citadel of Faith, p. 6. 5 giugno 1947 ai Bahá'í americani.

(12) Dio passa nel mondo, p. xix.

(13) L'Ordine Mondiale di Bahá'u'lláh, p. 102. 8 febbraio 1934.

(14) Citadel of Faith, p. 5. 5 giugno 1947 ai Bahá'í americani.

(15) Messages to the Bahá'í World, 1950-1957 (Wilmette: Bahá'í Publishing Trust, 1971), p. 89. Cablogramma del 23 agosto 1955. Vedi anche la lettera del 18 gennaio 1953, scritta a nome del Custode all'Assemblea Spirituale Nazionale degli Stati Uniti (cf. n.16).

(16) Bahá’í News, n. 265, marzo 1953, p. 4. 18 gennaio 1953, a nome del Custode,

all'Assemblea Spirituale Nazionale degli Stati Uniti.

(17) La Casa Universale di Giustizia, 2 gennaio 1986, ai Bahá'í del mondo.

(18) Wellspring of Guidance (Wilmette: Bahá'í Publishing Trust, 1969), p. 25. La Casa Universale di Giustizia, Ridván 1964, ai Bahá'í del mondo.

(19) Bahá'í News, n. 265, p. 4. A nome del Custode, 18 gennaio 1953, all'Assem­blea Spirituale Nazionale degli Stati Uniti.

(20) Citadel of Faíth, p. 5. 5 giugno 1947 ai Bahá'í americani.

(21) Messages to the Bahá’í World, 1950-1957, p. 19. Cablogramma del 24 dicembre 1951.

(22) Citadel of Faith, p. 5. 5 giugno 1947, ai Bahá'í americani.

(23) Citadel of Faith, p. 6. 5 giugno 1947, ai Bahá'í americani.

(24) Citadel of Faith, p. 6. 5 giugno 1947, ai Bahá'í americani.

(25) Messages to the Bahá’í World, 1950-1957, p. 13. Cablogramma dei 25 aprile 1951.

(26) Tawqíát-i-Mubárakih, 102-109 B.E. (Tihran: Bahá'í Publishing Trust, 125 B.E.), pp. 99-188. Naw-Ruz 105 E.B., ai Bahá'í dell'Oriente.

(27) Citadel of Faith, p. 140. 20 agosto 1955, ai Bahá'í americani.

(28) Messages to the Bahá"í World, 1950-1957, pp. 151-153. 4 maggio 1953.

(29) Messages to the Bahá'í World, 1950-1957, p. 13. Cablogramma. del 25 aprile 1951.

(30) Messages to the Bahá'í World, 1950-1957, p. 13. Cablogramma del 25 aprile 1951.

(31) Messages to the Baháí World, 1950-1957, pp. 18-20. Cablogramma del 24 dicembre 1951.

(32) Messages to the Bahá'í World, 1950-1957, p. 44. Cablogramma dell'8 ottobre 1952. lbidem,, pp. 127-128. ottobre 1957.

(33) Messages to the Bahá’í World, 1950-1957, pp. 7-8. Cablogramma del 9 gen­naio 1951.

(34) Unfolding Destiny (London: Bahá'í Publishing Trust, 1981), p. 261, a nome del Custode, 25 febbraio 1951, all'Assemblea Spirituale Nazionale del Regno Unito, post scriptum di suo pugno.

(35) Wellspring of Guidance, p. 14. La Casa Universale di Giustizia, ottobre 1963, ai Bahá'í del mondo.

(36) Wellspring of Guidance, pp. 17-18. La Casa Universale di Giustizia, ottobre 1963, ai Bahá'í del mondo.

(37) La Casa Universale di Giustizia, 19 maggio 1983, ai Bahá'í dei mondo.

(38) La Casa Universale di Giustizia, 20 ottobre 1983, ai Bahá'í dei mondo.

(39) Wellspring of Guidance, p. 139. La Casa Universale di Giustizia, 21 giugno 1968, ai Bahá'í del mondo.

(40) La Casa Universale di Giustizia, 8 giugno 1973, ai Bahá'í del mondo.

(41) La Casa Universale di Giustizia, 8 giugno 1973, al Consesso Continentale dei Consiglieri 7 ottobre 1973, ai Bahá'í del mondo.

(42) La Casa Universale di Giustizia, telex, 11 febbraio 1983, ai Bahá'í del mondo.

(43) La Casa Universale di Giustizia, 2 gennaio 1986, ai Bahá'í del mondo.

(44) La Casa Universale di Giustizia, 2 gennaio 1986, ai Bahá'í del mondo.

(45) Citadel of Faith, p. 6. 5 giugno 1947, ai Bahá'í americani.

(46) Messages to the Bahá’í World, 1950-1957, p. 155. 4 maggio 1953.

(47) Citadel of Faith, p. 6. 5 giugno 1947, ai Bahá'í americani.

Inserto redazionale di note bahá'í - anno 4 - n. 3 - marzo 1986


Table of Contents: Albanian :Arabic :Belarusian :Bulgarian :Chinese_Simplified :Chinese_Traditional :Danish :Dutch :English :French :German :Hungarian :Italian :Japanese :Korean :Latvian :Norwegian :Persian :Polish :Portuguese :Romanian :Russian :Spanish :Swedish :Turkish :Ukrainian :